Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione su social network e/o l'analisi statistica del comportamento degli utenti online. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Note legali e privacy.

H_Lago_Alleghe_Belluno.jpg

Codice etico di autoregolazione per la sicurezza stradale


CODICE ETICO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA SICUREZZA STRADALE

Promosso da

• Il Ministro dell’Interno

• Il Ministro per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive

e da

• AIBES
Associazione italiana barman e sostenitori

• ASSOBIRRA
Associazione degli industriali della birra e del malto

• ASSODISTIL
Associazione nazionale industriali distillatori alcoli e acquaviti

• ASSOINTRATTENIMENTO
Associazione degli imprenditori dell'intrattenimento

• FEDERTURISMO
Federazione nazionale industria dei viaggi e del turismo

• FEDERVINI
Federazione italiana industriali esportatori importatori di vini, acquaviti, sciroppi, aceti e affini

• FIPE
Federazione italiana pubblici esercizi

• SILB
Associazione italiana imprese di intrattenimento danzante e di spettacolo

• UIV
Unione italiana vini – federazione nazionale commercio vinicolo

Premessa

È in corso un’iniziativa del Governo italiano per contrastare e ridurre, anche con il contributo degli enti territoriali e locali, il numero degli incidenti sulle strade. Ogni anno l’Italia sconta un bilancio di oltre 5mila vittime, 20mila disabili gravi, 300mila feriti. Il maggior numero delle vittime è concentrato in una fascia d’età giovanile: gli incidenti stradali,infatti, sono la prima causa di morte per i giovani tra i 15 ed i 29 anni. Il progetto governativo consta di un piano nazionale per la sicurezza stradale, articolato in una serie di interventi in diversi settori ed essenzialmente fondato su cinque linee di intervento:programmazione; regolamentazione; formazione e sperimentazione; controlli; informazione e comunicazione.

In tale quadro, il Ministro dell’Interno e il Ministro delle Politiche giovanili e attività sportive hanno ritenuto utile avviare il maggior numero di processi partecipati, e convocare un tavolo di confronto con associazioni rappresentative della produzione, somministrazione e vendita di bevande alcoliche, e dei locali di ritrovo in generale.

Si è ritenuto quindi di procedere alla definizione di un codice etico la cui sottoscrizione possa essere condivisa da tutti i soggetti interessati e allargata alle associazioni rappresentative di settore che ritengono di poter aderire agli stessi principi.

L’iniziativa intende contribuire a contrastare prioritariamente il fenomeno delle cosiddette “stragi del sabato sera”. Lo stato psico-fisico alterato dall’abuso di alcool o dall’uso di sostanze stupefacenti e psicotrope è causa infatti di gravi incidenti tra i giovani, con elevati tassi di mortalità nelle ore notturne del fine settimana.

La sottoscrizione, il rispetto e la diffusione dei principi concordati nel tavolo di confronto, insieme al monitoraggio e miglioramento dei contenuti e l’estensione progressiva dei sottoscrittori entrano a far parte della rete di comunicazione tra - e con - i cittadini che accompagnerà sistematicamente le misure di miglioramento della sicurezza stradale previste nell’ambito del piano nazionale, con l’intento di promuovere la cultura della legalità e la consapevolezza dei valori sociali per modificare comportamenti di guida e stili di mobilità rischiosa.


Tutto ciò premesso

Il Ministro dell’Interno e il Ministro per le Politiche Giovanili e le attività sportive intendono, con l’adesione della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome, contribuire a trasmettere creativamente e costruttivamente modelli positivi per modificare comportamenti di guida e stili di mobilità pericolosi, orientando i giovani alla cultura della responsabilità e della legalità in tema di sicurezza stradale, a partire dai comportamenti legati al consumo di bevande alcoliche in particolare nei locali di ritrovo.

Le associazioni rappresentative di settore condividono tali intendimenti.

I sottoscrittori, ciascuno per la parte di propria competenza, si impegnano a:

• Promuovere un modello di guida responsabile a tutela della salute e della incolumità dei giovani.

• Favorire il coordinamento interistituzionale e la condivisione di conoscenze ed esperienze a livello locale, regionale, nazionale ed europeo e rendere sistematiche le esperienze positive.

• Promuovere misure restrittive sulla vendita e somministrazione anche in forma automatica di bevande alcoliche nelle aree circostanti i locali di ritrovo.

• Favorire l’introduzione, sul piano legislativo, di nuove misure a tutela della sicurezza stradale, quali: un nuovo sistema per le patenti di guida, con pene alternative per i pirati della strada; il rafforzamento delle azioni di contrasto ai comportamenti considerati ad alto rischio; il rafforzamento delle sanzioni in relazione alla gravità dell'infrazione. Le istituzioni si impegnano inoltre a favorire controlli più sistematici, e comunque coordinati, sull’uso di alcolici e sostanze stupefacenti.

• Promuovere e favorire campagne istituzionali, iniziative di informazione, formazione, prevenzione e diffusione delle buone pratiche in tema di sicurezza stradale; favorire nelle scuole guida per il conseguimento delle patenti specifici programmi formativi sui fenomeni legati alla guida sotto l’effetto di bevande alcoliche; collaborare con le istituzioni per la necessaria attività di prevenzione; evitare messaggi pubblicitari in contrasto con i principi e gli obiettivi del presente codice etico.

• Promuovere l’identificazione del “guidatore designato”, ossia di colui che in un gruppo si impegna a non bere alcolici. A tali soggetti i sottoscrittori si impegnano a somministrare bevande esclusivamente analcoliche. Ulteriori incentivi allo sviluppo di questa iniziativa potranno consistere, a discrezione del singolo esercente, nella distribuzione di biglietti omaggio o ridotti per l’ingresso ai locali e sconti sulle consumazioni analcoliche.

• Promuovere e sostenere l’uso di alcool-test da parte dei clienti ed invitare coloro che escono  dai locali, dai bar e in generale dai locali di somministrazione in stato di ebbrezza a rinunciare a mettersi al volante.

• Favorire l’applicazione rigorosa della normativa vigente, in particolare per ciò che attiene al divieto di vendita e di somministrazione di alcolici ai minori.

• Favorire, in collaborazione con le Istituzioni, la formazione dei gestori e del personale dipendente sul tema dell'abuso di alcool e responsabilizzare il personale addetto alla somministrazione sui divieti di consumo di alcool.

• Non favorire il consumo di bevande alcoliche con la promozione in offerte sottocosto o ad un prezzo inferiore a quello delle bevande analcoliche.

• Promuovere l’adozione di misure di autoregolamentazione in materia di vendita di bevande superalcoliche in contesti di possibile rischio.

• Prevedere nei propri regolamenti interni misure idonee a garantire il rispetto delle regole e dei principi espressi in questo codice.

Gli impegni di questo codice etico saranno monitorati da un comitato composto dai rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni aderenti e potranno essere ampliati in ragione di diverse e nuove esigenze, anche su impulso di altri soggetti interessati alla sottoscrizione.

Il MINISTRO DELL´INTERNO

Il MINISTRO PER LE POLITICHE GIOVANILI ED ATTIVITÀ SPORTIVE

AIBES
Associazione italiana barmen e sostenitori
Il Presidente Camillo Bosco

ASSOBIRRA
Associazione degli industriali della birra e del malto
Il Presidente Piero Perron

ASSODISTIL
Associazione nazionale industriali distillatori alcoli e acquaviti
Il Presidente Antonio Emaldi

ASSOINTRATTENIMENTO
Associazione degli imprenditori dell'intrattenimento
Il Presidente Antonio De Gortes

FEDERTURISMO
Federazione nazionale industria dei viaggi e del turismo
Il Presidente Costanzo Jannotti Pecci

FEDERVINI
Federazione italiana industriali esportatori importatori di vini, acquaviti, sciroppi, aceti e affini
Il Direttore Generale Ottavio Cagiano de Azevedo

FIPE
Federazione italiana pubblici esercizi
Il Presidente Lino Enrico Stoppani

SILB
Associazione italiana imprese di intrattenimento danzante e di spettacolo
Il Presidente Renato Giacchetto

UIV
Unione italiana vini – federazione nazionale commercio vinicolo
Il Presidente Andrea Sartori