Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione su social network e/o l'analisi statistica del comportamento degli utenti online. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Note legali e privacy.

H_piazza_Pretoria_Palermo.jpg

È entrata in vigore la nuova normativa in materia di stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante

stabilimentoDopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 161 del 14 luglio 2015 (supplemento ordinario n. 38/L), è entrata finalmente in vigore nel nostro ordinamento la nuova normativa in tema di stabilimenti industriali a rischio di incidente rilevante (detti sinteticamente RIR) recata dal D.Lgs. 26 giugno 2015, n. 105, in recepimento della direttiva europea 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose.
Questa direttiva, denominata Seveso III, sostituisce integralmente le precedenti due direttive in materia, la 96/82/CE e la 2003/105/CE, rispettivamente chiamate Seveso I e Seveso II (prendono tutte il nome dall’incidente avvenuto nell’impianto ICMESA, nei pressi del comune di Seveso, nel luglio 1976, e in seguito al quale detta normativa fu adottata).
Analogamente, il D.Lgs. n. 105/2015 riscrive in maniera organica la disciplina del settore, abrogando le precedenti norme in materia, in particolare il D.Lgs. n. 334 del 1999, che – anche a seguito delle modifiche apportate dal D.Lgs. n. 238 del 2005 – costituiva sino ad ora il testo normativo fondamentale al riguardo.

 

In estrema sintesi le principali novità della nuova disciplina possono così individuarsi:
- viene armonizzato il sistema di individuazione e catalogazione dei prodotti chimici dell’UE con quello adottato a livello internazionale dall'ONU;
- si migliora e aggiorna la normativa in base alle esperienze acquisite con la Seveso II, in particolare riguardo al controllo degli stabilimenti interessati, alla semplificazione degli adempimenti e alla riduzione degli oneri amministrativi;
- è garantita ai cittadini un migliore informazione sui rischi degli impianti industriali e sui comportamenti da attuare in caso di incidente così come la possibilità di partecipare alle decisioni relative agli insediamenti nelle aree a rischio di incidente rilevante.
A questi obiettivi, fissati dalla Seveso III, si è affiancato quello tutto nostrano di pervenire ad una più organica e chiara scrittura del testo normativo in tema di RIR, che rappresentasse un vero e proprio testo unico della materia.
In questa chiave, va segnalata la più lineare, rispetto al passato, delimitazione delle competenze statali e locali in una materia in cui le sovrapposizioni tra ministeri, regioni, province (o loro nuove configurazioni) e comuni sono all’ordine del giorno.
Quanto alla competenze più propriamente prefettizie, viene confermata quella – in capo al prefetto della provincia ove ha sede lo stabilimento – di approvazione del piano di emergenza esterna, ossia lo strumento operativo contenente le misure atte a mitigare gli effetti dannosi derivanti dall’incidente rilevante.