Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione su social network e/o l'analisi statistica del comportamento degli utenti online. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Note legali e privacy.

H_Udine.jpg

Lo spadino di rappresentanza

Presso il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara è custodito lo spadino di rappresentanza commissionato nel 1861 da Carlo Mayr, Prefetto e Ministro del Regno d’Italia, alla fabbrica “Shagum F. I. Vieio”*.

In relazione all’aspetto storico-critico del manufatto si sottolinea come lo “spadino di rappresentanza” venisse usato solitamente con l'abito di corte dai Grandi Ufficiali e dalle grandi cariche dello Stato nel momento in cui indossavano l’alta uniforme.

 

Questi i dati tecnici sull’oggetto: “Spadino di rappresentanza con lama in acciaio a due tagli e due sgusci. Fornimento a un ramo di guardia in bronzo, originariamente argentato, cesellato. Il pomolo è a forma di testa di guerriero, la crociera ha il terminale a testa di leone. L'impugnatura ha guance di madreperla scanalate. Fodero di cuoio nero lucido, con puntale e cappa di ottone. Sulla coccia è riprodotto lo stemma sabaudo (Misure: lunghezza: 935 millimetri; lunghezza lama: 810 millimetri)”.

 

 

*Fonte:

Le caratteristiche tecniche e le immagini sono tratte dal sito Internet dell’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, raggiungibile all’indirizzo http://bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it/samira/v2fe/loadcard.do?id_card=50113&force=1