Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione su social network e/o l'analisi statistica del comportamento degli utenti online. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookies. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookies di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Note legali e privacy.

Firenze.jpg

Bicentenario dell'Istituto Prefettizio

Il bicentenario dell'istituto prefettizio

Si sono aperte il 24 giugno 2002 a Milano le celebrazioni per i 200 anni dell'istituto prefettizio. Alla inaugurazione aperta dal Ministro dell'Interno Claudio Scajola, sono intervenuti anche il Ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri, il Direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli ed ancora il Prefetto di Milano Bruno Ferrante, il Sindaco Gabriele Albertini, il Presidente della Amministrazione Provinciale Ombretta Colli e il Presidente della Regione Roberto Formigoni. Una relazione dello storico Prof. Piero Melograni sul ruolo del Prefetto nella storia italiana ha concluso la giornata di inaugurazione. 

Il 26 gennaio 1802, a Lione, nella seduta conclusiva dei Comizi nazionali, Napoleone Bonaparte dichiarò ufficialmente che la nuova Repubblica non si sarebbe più chiamata Cisalpina, bensì, Italiana. Vicepresidente della Repubblica fu proclamato il conte milanese Francesco Melzi d'Eril.
Con questo atto prendeva ufficialmente vita un nuovo organismo nazionale, controllato e diretto dalla Francia, come dimostra l'elezione a presidente dello stesso Napoleone, ma provvisto di un buon margine d'autonomia, di cui era immediata espressione la vicepresidenza conferita al Melzi.

Il 24 febbraio 1802, a seguito dell'adozione della Costituzione della Repubblica Italiana, fu data articolazione, nei territori conquistati da Napoleone Bonaparte, all'amministrazione degli Affari Interni. Il 6 maggio 1802, con decreto del vicepresidente Melzi d'Eril, Prefetture e Prefetti fecero la comparsa ufficiale negli ordinamenti italici dell'allora Repubblica Italiana.

Tale decreto costituiva la risistemazione operata dal Vicepresidente in collaborazione con i membri del Consiglio legislativo, della proposta di legge per l'attivazione delle Prefetture, preparata durante la seconda Cisalpina. Il 2002, pertanto, è l'anno in cui l'istituto prefettizio "compie" duecento anni dalla prima istituzione sul territorio nazionale.

Il 26 luglio 1802 fu pubblicata la legge sull'organizzazione delle autorità amministrative che portava la definitiva e completa sistemazione dell'apparato amministrativo periferico della Repubblica.

Allo scopo di sensibilizzare i vari contesti territoriali sulle trasformazioni dell'istituto prefettizio in 200 anni di attività e sulla valenza attuale dell'azione del Prefetto sul territorio, sono in corso di programmazione una serie di conferenze e tavole rotonde, da tenersi in varie province, nel corso di tutto l'anno 2002, su temi di particolare attualità che impegnano le Prefetture - U.T.G. in una forte azione di coordinamento ed indirizzo delle componenti locali della Pubblica Amministrazione.

Per l'evento le 20 Prefetture capoluogo di regione si sono collegate in diretta via satellite. Inoltre è stata coniata una medaglia in bronzo recante in rilievo su un lato la bilancia sopra spada e palma decussati, e sull'altro una corona di quercia con il richiamo al bicentenario.

Tutti gli eventi del bicentenario: dal sito del Ministero dell'Interno

 

3 giugno 2007